Snowboard: le diverse tipologie di camber

Snowboard: le tipologie di camber

Il numero degli appassionati della montagna che hanno eletto lo snowboard come loro sport invernale preferito continua a crescere. Di pari passo, l’attrezzatura per praticarlo si è evoluta, proponendo nuovi materiali e nuovi design.

In particolare, per rispondere a esigenze sempre più tecniche e puntuali, il camber – ovvero il profilo della tavola – è passato da essere uno solo a venire declinato in diversi modelli.

Ecco tutte le tipologie esistenti e le caratteristiche di ciascuno.

Le differenti tipologie di camber si adattano alle diverse esigenze tecniche e di performance dello snowboarder.

Le differenti tipologie di camber si adattano alle diverse esigenze tecniche e di performance dello snowboarder.

Camber tradizionale (positive camber)

Il camber tradizionale (positive camber) presenta un profilo convesso o a ponte. I punti di contatto della lamina con la neve sono 4: 2 frontali (frontside) e 2 posteriori (backside).

Le tavole da snowboard con camber tradizionale sono state le prime a essere progettate e perfezionate e sono caratterizzate da elevata reattività e stabilità e buona tenuta, consentendo di sviluppare uno stile pulito e di sentirsi a proprio agio su qualsiasi neve.

Per contro, offrono poco margine per recuperare eventuali errori e fanno fatica a galleggiare sulla neve fresca.

Camber inverso (reverse camber o rocker camber)

New entry nel mondo dello snowboard, il camber inverso (reverse camber o rocker camber) presenta un profilo concavo o a banana. La punta e la coda sono sollevate e a toccare – in maniera più o meno estesa – è la parte centrale.

Le tavole con camber inverso sono caratterizzate da grande manovrabilità e versatilità, galleggiano bene sulla neve fresca, sono facili da usare e richiedono un basso dispendio di energia.

Il rovescio della medaglia è rappresentato da una minore reattività e stabilità, dalla tendenza a “scappare” da sotto i piedi in fase di atterraggio dai salti e da uno scarso assorbimento delle irregolarità del manto nevoso.

Camber piatto (zero camber)

Il camber piatto o zero camber è caratterizzato da un profilo lineare e non ha alcun tipo di curvatura, né convessa né concava.

Le tavole da snowboard con camber piatto sono nate per offrire delle caratteristiche di “compromesso” tra quelle delle tavole con camber tradizionale e inverso e in effetti hanno un buon livello di reattività, stabilità e tenuta, oltre che di manovrabilità e galleggiamento sulla neve fresca.

In virtù della loro natura “a metà” tra le une e le altre, risultano inferiori a entrambe nelle rispettive qualità, tuttavia oggi rappresentano l’ottimo a livello di rapporto tra facilità di utilizzo e prestazioni.

Camber ibrido

Come spiega il nome stesso, il camber ibrido è un profilo che abbina camber tradizionale e camber inverso.

Il camber tradizionale può essere al centro della tavola e quello inverso alle estremità (maggior tenuta e permissività) oppure si può verificare la situazione opposta (maggior reattività e galleggiamento).

Fare snowboard sulle Dolomiti

Le Dolomiti sono fra le destinazioni più affascinanti per gli amanti dello snowboard.

Le piste più belle per lo snowboard

Per chi vuole mettere alla prova la nuova tavola e il nuovo camber, in Italia le piste da snowboard non mancano.

Le Dolomiti sono tra le destinazioni più belle e ricche di fascino di tutto l’arco alpino e gli appassionati che scelgono di eleggerle come propria destinazione per la settimana bianca possono soggiornare nelle strutture Valtur Marilleva e Valtur Principe Marmolada.

Entrambe modernissime, accoglienti e situate a poca distanza dalle piste, permettono di trascorrere vacanze sulla neve da sogno e a prezzi davvero convenienti, grazie alle tante offerte promosse dal tour operator per la stagione 2016/2017, tra cui Prenota Prima e Speciale 7 Notti Inverno.

redazione-valtur
Related Posts
Vela

Discussion about this post

Rispondi